Wednesday, July 6, 2016

PCm Italy - Against all European imperialist governments! Against the fascist and revisionist No-Brexit!Class struggle – revolutionary path to socialism!Internationalism!

unofficial traslation

Against all European imperialist governments!
Against the  Brexit fascist and revisionist forces!
Class struggle – revolutionary path to socialism!

Imperialism and its governments, at all latitudes continue to cross a deep financial, economic, political and social crisis.
All imperialist governments, internally, unload the burden of the crisis on the proletarians and the masses and, externally, continue imperialist aggressions against oppressed nations and the peoples.
Proletarians and oppressed people need to unite against all the imperialist governments to defend their living and working conditions, to repel the imperialist aggression wars, to overthrow the forces that in each country support and collude with reactionary governments at the service of imperialism.
Reformist and petty bourgeois forces operate within the proletarian and people’s struggles to direct them in support of an imperialism against another, to put themselves as alternative agents serving the same interests.
While imperialist governments and states are united against proletarians and peoples, they are divided by an endless dispute having as "booty" energy sources and raw materials and the control on world markets. This dispute has as constant aim a new division of the world between the big powers, in which the role of hegemonic imperialism is played by US.
Imperialism is war, and any dispute for the a new division has as final results, always and anyway, wars: inter-imperialistic wars, wars on behalf of imperialism, reactionary wars, wars on people. Proletarians and Communists have no alternative path but to fight imperialists of all kinds, against their wars, relying on their own forces and on the construction of the international unity of proletarians and oppressed peoples.

This path is opposed and fought not only, as obvious, by the imperialists and their imperialist-led or servant governments, but now also and above all by the reactionary forces which try to direct the proletarian and people’s struggles towards fascism or new forms of reactionary dictatorship led by Islamic fundamentalism; as well as by the reformist and social-democrat, revisionist, forces, disguised as liberation forces or so called "communist" forces, that operate to keep the struggle of proletarians and masses within the framework of bourgeois democracy, the electoral way, the peaceful road or that of the armed reformists social-democrat style.

The Brexit affair can only be seen in this context to orient correctly ourselves, and it requires that the communists, the proletarian and revolutionary vanguard have a solid alternative position not only to the various faces of imperialism, but also to the various faces of the false communist or false progressive "opposition".
In Europe the bourgeoisies, the governments, the imperialist states have been always striving to build a unity that allows the European imperialist bloc to collude and compete with US, Russian, Chinese, Japanese imperialism etc. But this unity is not and can never be solid because of the development, within the EU, of a dispute between the European imperialist bourgeoisies themselves.
This process constantly undermines from inside the projects of unity of a "European imperialism." In this sense, the strongest imperialism in Europe, Germany, aims to become a superpower and plays, therefore, an economic, political, financial hegemony - currently not military - to impose unified policies compatible with the role and rise of German imperialism. The other imperialist countries in this alliance, which is unavoidable for them because of their lesser strength, seek to defend their interests. In this sense, the “impartial” bodies built by EU are, at the same time, expression of the interests of German imperialism and the level of conciliation with them got by other imperialist countries.

British imperialism is part of the European dimension of imperialism, but, given the existing historical ties with US imperialism, it has always kept one foot inside and one outside the EU. The foot inside of British imperialism is a tool to get time to time a better conciliation with their specific interests.
This is policy that has been always carried out by British imperialism, whatever the color, Conservative or Labour, of the British government. British imperialism has always tried, now openly now implicitly, to charge the EU for its anti-proletarian and anti-people policies and its imperialist action on an international scale, where furthermore the UK operates in close alliance with the US.
Within the UK the deepening of the economic, political and social crisis has developed a wide range of reactionary forces which want an even more radical pursuit of the interests of British imperialism, out of the constraints of EU, to enforce them in an even more rightist, anti-worker and anti-people way.

Therefore, the referendum was arm wrestling between the forces for a negotiations with other European imperialist governments within the EU framework, and the forces that pursue a break not only for international but especially for internal aims, i.e. nationalist, social-chauvinist and openly British style fascist forces. These forces, leveraging the contradictions with the EU, aim to establish even more anti-worker and anti-people policies and especially anti-immigrant, racist and xenophobic policies. They ride the discontent of the masses to unite them under the banner "Britain first", similarly to the most openly reactionary forces rising throughout Europe, which in some countries are close to come to the government's power. These forces won the referendum for the Brexit and represent a new and more extensive outbreak of the reactionary march of modern fascism in England and generally in the imperialist countries.

For this, the victory of these forces in England pushes the other major imperialist governments in Europe, on the one hand, to contain the damage and look for forms of economic and financial agreements which may prevent the worsening of the crisis and the general collapse of the unstable alliance of EU; on the other hand, however, they want to take advantage from the Brexit to strengthen their economic, political, financial, institutional, position etc. against the British imperialism itself.
Thus, Germany becomes even stronger, the French-German alliance is strengthened and Italian imperialism, being always junior partner, now sees an opportunity to become a "senior partner."
This only fuels the dispute and compels to differentiate the interests between the imperialist states and governments on the burning issues, developing an action-reaction spiral that on the background brings an increasing intervention in the European affairs by the US, Russia and China and to another round of warmongering contention.

But, it is from the standpoint of the proletarian and the masses that the Brexit results in the worst damage.
It is easy to see that in UK, whether a post- Cameron conservative government is formed, whether the Labor party returns as part of national unity government for the "salvation of the empire", or they both collapse before the rise of the reactionary UKIP, in the economic matter, they can only pursue an even deeper attack with even more anti-worker and anti-people measures. In terms of domestic legislation, British masters have always complained the excesses of the protection of workers in the other European countries, and then in the UK they are moving towards even worse forms of “Loi de Travail” or “Jobs Act”. In terms of immigration policy and admission foreigner workers, European youth, etc. any post-Brexit government will cancel these protections and will try to make the UK a new land of imperialist xenophobia which will be strongly appealing for a lot of countries in the current EU to follow forced march the same road.

In the other imperialist countries the elements of temporary crisis resulting from the Brexit will be further used to continue, even in forms of emergency, the policies that already are implemented by the EU in the interest of all European bourgeoisies.
Indeed, concerning immigration and xenophobia, the strongest imperialist governments too will use the Brexit to further remove the mask from their anti-inmigrants racist policies.

But all this is not frightening for us. Only those who trust in imperialism and its governments and consider that these policies are decided by the Prime Minister in office and not by the structural interests of the imperialist bourgeoisies, can think that governments will change their policies because of the result of an election, or referendum. The last word on this is rather said by the class struggle, to the spread of strikes, workers' struggles, riots in the suburbs, of the youth, these only are the weapons to respond, counteract, obstruct the imperialist policies.
At the same time, only the ability to transform these struggles, to lead them to a revolutionary alternative of power can actually undermine European imperialist governments in each country and the unstable set of imperialist governments in Europe.

However, the Brexit highlighted other aspects that to some extent require that the path of the struggles is sanitized against fascist, reformist and revisionist infections.
The vote for Brexit fuels the march to power of the reactionary forces, gives them greater opportunity to gather consensus around themselves, not only among their traditional reference classes but also in the devastated sectors of the people.
That is why the social struggle, the youth and proletarian revolt, are not enough. They must have a class basis and no space to the anti EU populist demagoguery of the extreme right must be given in the proletariat and people’s ranks.

The serious aspect that the vote for Brexit highlighted is the change of camp of left forces, trade unions and political groups, or even self-proclaimed communist, Marxist-Leninists groups and parts of the movement that after the Brexit have shown the true nature and real meanings of their so-called anti-capitalist, anti-Euro, anti-EU slogans. They have become tools of the worst electoral, nationalist and chauvinist lines which no worn dress can mask and whose damage in the current situation is very serious because they disorient parts of our movement, which are brought on a ground that is the abandonment of the class struggle against their masters, against their own imperialism, the abandonment of the path of the struggle for the proletarian and socialist revolution and the abandonment of proletarian internationalism, which for these forces becomes the alliance of "proletarian nationalisms" that always Marxism and Leninism considered a factor for the passage of the false socialists to the imperialist camp.
This archipelago of left forces, beyond their subjective will and the participation in the struggles of many of their members, are useless tools for the struggle we need today.

For this it is necessary to clearly delimitate the field between communists and revisionists of all kinds, to build the united front of the masses, to get rid of the coachman flies of imperialism, and above all, to build the genuine revolutionary initiative, in the tumultuous context of the deepening crisis, inter-imperialist contradictions, overwhelming needs of the proletarians, the rebellious youth, the immigrant masses, according to the internal situation of European imperialist countries.

PCm Italy
july 2016

original text in italian language

Contro tutti i governi imperialisti europei
Contro le forze Brexit fasciste e revisioniste
Lotta di classe - via rivoluzionaria al socialismo
L'imperialismo e i suoi governi, in ogni latitudine continuano ad attraversare una profonda crisi economico finanziaria, politica e sociale.
Tutti i governi imperialisti scaricano la crisi sui proletari e le masse popolari all'interno e proseguono con l'aggressione imperialista all'esterno verso le nazioni e i popoli oppressi.
Proletari e popoli oppressi hanno bisogno di unirsi contro tutti i governi imperialisti per difendere le proprie condizioni di vita e di lavoro, per respingere le guerre di aggressione imperialista, per rovesciare le forze che all'interno sostengono e colludono con i governi reazionari a servizio dell'imperialismo.
Le forze riformiste e piccolo borghesi operano all'interno delle lotte proletarie e dei popoli per guidarle a sostegno di un imperialismo contro l'altro, per proporsi come agenti alternativi al servizio degli stessi interessi.
Se i governi e gli Stati imperialisti sono uniti contro proletari e popoli, sono divisi tra di loro in una contesa infinita che ha come “bottino” le fonti energetiche e le materie prime e il controllo dei mercati mondiali. Questa contesa ha come scopo costante una nuova ripartizione del mondo tra le grandi potenze, in cui il ruolo di imperialista egemone lo svolgono gli Usa.
L'imperialismo è guerra, e ogni contesa per una nuova spartizione ha come esito finale, sempre e comunque, la guerra; guerre interimperialiste, guerre per conto dell'imperialismo, guerre reazionarie, guerre contro il popolo.
Proletari e comunisti non hanno altra strada che lottare contro gli imperialisti di ogni tipo, contro le loro guerre, contando sulle proprie forze e sulla costruzione dell'unità internazionale tra proletari e popoli oppressi.
Questa strada è ostacolata e combattuta, non solo come è naturale dagli imperialisti e dai loro governi, diretti o asserviti, ma oggi anche e soprattutto dalle forze reazionarie che vogliono indirizzare la lotta dei proletari e dei popoli verso il fascismo o nuove forme di dittatura reazionaria a direzione dell'integralismo islamico; così come dalle forze riformiste e socialdemocratiche, revisioniste, travestite da forze di liberazione o da forze sedicenti “comuniste” che operano per mantenere la lotta dei proletari e delle masse nell'ambito della democrazia borghese, della via elettorale, della via pacifica o del riformismo armato di stampo socialdemocratico.
La vicenda Brexit non può che essere vista in questo contesto per orientarsi correttamente, e domanda ai comunisti, alle avanguardie proletarie e rivoluzionarie una solida posizione alternativa non solo alle varie facce dell'imperialismo, ma anche alle varie facce delle “opposizioni” falso comuniste o falso progressiste.
In Europa le borghesie, i governi, gli Stati imperialisti sono da sempre impegnati nel costruire una unità che permetta al blocco imperialista europeo di colludere e competere con l'imperialismo Usa, russo, Cina, Giappone, ecc. Ma questa unità non è né può mai essere solida perchè all'interno della UE si sviluppa una contesa tra le stesse borghesie imperialiste europee.
Questo dato mina costantemente all'interno i progetti unitari di “imperialismo europeo”. In questo senso l'imperialismo più forte in Europa, la Germania, punta esso stesso a divenire una superpotenza e svolge, quindi, una egemonia economica, politica, finanziaria – non militare attualmente – per imporre politiche unitarie che siano compatibili con il ruolo e l'ascesa dell'imperialismo tedesco. Gli altri paesi imperialisti cercano all'interno di questa alleanza, per loro inevitabile perchè dotati di forza minore, di difendere i loro interessi. In questo senso gli organi superpartes costruiti dentro la UE sono, allo stesso tempo, espressione degli interessi dell'imperialismo tedesco e dei livelli di conciliazione con esso degli altri paesi imperialisti.
Della dimensione europea dell'imperialismo fa parte l'imperialismo britannico che, dati i propri legami storici organici esistenti con l'imperialismo americano, è da sempre con un piede dentro e un piede fuori l'unità europea. Il piede dentro dell'imperialismo della GB è utilizzato per ottenere di volta in volta maggiore conciliazione con i propri interessi specifici.
Questa politica è stata sempre portata avanti dall'imperialismo britannico, qualunque sia il tipo di governo, conservatore o laburista esistente in Gran Bretagna, e l'imperialismo britannico ha sempre tentato, ora esplicitamente ora implicitamente, di addebitare alla UE la propria politica antiproletaria e antipopolare e la propria azione imperialista su scala internazionale, dove per altro la GB opera in stretta alleanza con gli Usa.
All'interno della GB l'approfondimento della crisi economica, politica e sociale ha sviluppato un'ampia serie di forze reazionarie che vogliono un perseguimento ancora più radicale degli interessi dell'imperialismo britannico, fuori dai vincoli UE, per forzarli ancora più a destra in senso antioperaio e antipopolare.
Per questo il referendum è stato un braccio di ferro tra le forze della trattativa con gli altri governi imperialisti europei, nel quadro UE, e le forze che perseguono una rottura non solo ad uso internazionale ma soprattutto ad uso interno, forze nazionaliste, socialscioviniste e di aperto stampo fascista all'inglese. Queste facendo leva sulle contraddizioni con la UE, puntano ad affermare una politica ancora più antioperaia e antipopolare e soprattutto una politica anti immigrati, razzista e xenofoba, che cavalca il disagio delle masse per unirle sotto la bandiera “only british first” che viene sostenuta dalle forze più esplicitamente reazionarie che dilagano in tutta Europa, e in alcune paesi sono vicine alla conquista del governo. Queste forze hanno vinto il referendum Brexit e rappresentano un nuovo e più esteso focolaio della marcia reazionaria moderno fascista all'interno dell'Inghilterra e dei paesi imperialisti in generale.
Per questo, la vittoria di queste forze in Inghilterra spinge gli altri governi imperialisti europei dominanti, da un lato a contenere i danni e cercare le formule di accordi economico finanziari che possano evitare l'aggravamento della crisi e il collasso complessivo dell'alleanza instabile rappresentata dalla UE; dall'altro però vogliono approfittare del Brexit per rafforzare il proprio dominio economico, politico, finanziario, istituzionale, ecc. ai danni dello stesso imperialismo inglese.
La Germania diventa, così, sempre più forte, l'alleanza franco tedesca ne viene rafforzata e l'Italia imperialista, da sempre socio minore, ora vede l'opportunità per diventare “socio maggiore”.
Questo non fa che alimentare la contesa e spinge sui grandi problemi a differenziare gli interessi tra gli Stati e i governi imperialisti, sviluppando una spirale di azione e reazione che sullo sfondo porta un intervento sempre maggiore negli affari europei degli Usa, della Russia e della Cina e ad un'altra tappa della contesa guerrafondaia.
Ma è dal punto di vista dei proletari e delle masse popolari che il voto Brexit porta i maggiori danni.
In Inghilterra è facile vedere che, sia se procede il governo conservatore post Cameron, sia se i laburisti tornino in un quadro di unità nazionale al governo per la “salvezza dell'impero”, sia che tutte e due collassino di fronte all'avanzata reazionaria dell'Ukip, sul piano economico non possono che perseguire un attacco ancora più profondo alle legislazioni antioperaie e antipopolari. Sul piano della legislazione interna i padroni inglesi si sono sempre lamentati per gli eccessi di tutela dei lavoratori degli altri paesi europei e quindi in GB si va verso Loi Travail, Jobs act ancora peggiori. Sul fronte della politica sull'immigrazione e sui livelli di accoglienza degli stranieri, dei giovani europei, ecc. ora, qualsiasi governo post Brexit cancellerà queste tutele e cercherà di fare della GB una nuova terra della xenofobia imperialista che sarà fortemente attrattiva nel seguire a tappe forzate la stessa strada verso una gran quantità di paesi all'interno dell'attuale UE.
Negli altri paesi imperialisti gli elementi di crisi temporanea che la questione Brexit comporta saranno ulteriormente utilizzati per proseguire in forme anche emergenziali le politiche che già si attuano in sede UE nell'interesse di tutti i padroni europei.
Anzi, sul fronte dell'immigrazione e della xenofobia anche i governi imperialisti più forti utilizzeranno al Brexit per togliere ulteriormente la maschera alle politiche razziste antimmigrati.
Ma tutto ciò non deve spaventare. Solo chi ha fiducia nell'imperialismo e nei suoi governi e considera che queste politiche siano dettate dall'ultimo nome del presidente del consiglio e non dagli interessi strutturali delle borghesie imperialiste, può pensare che i governi modifichino le proprie politiche sulla base di un risultato elettorale, referendario interno. La parola su questo è invece unicamente affidata alla lotta di classe, al dilagare degli scioperi, delle lotte operaie, delle rivolte delle periferie, dei giovani, uniche armi per rispondere, contrastare, ostacolare le politiche dell'imperialismo.
Così come solo la capacità di trasformare queste lotte, di indirizzarle verso un'alternativa rivoluzionaria di potere può mettere realmente in crisi i governi imperialisti europei in ogni paese e l'insieme instabile dei governi imperialisti in Europa.
Però la Brexit ha messo in luce altri elementi che in qualche misura impongono che la strada delle lotte sia ripulita dalle infezioni fasciste e riformiste, revisioniste.
Il voto Brexit alimenta l'avanzata governativa delle forze reazionarie, gli dà maggior strumenti per raccogliere un consenso intorno a sé, per pescare non solo nei tradizionali ceti di riferimento ma anche nelle devastate terre del popolo.
Per questo non può bastare la lotta sociale, la rivolta giovanile e proletaria, bisogna che esse siano su basi di classe e che non diano spazio alle demagogia populiste anti UE dell'estrema destra nelle fila proletarie e popolari.
L'elemento grave che ha messo però in luce il voto Brexit è il passaggio di campo di forze di sinistra, sindacali e politiche, di gruppi sedicenti comunisti, marxisti-leninisti, di pezzi di movimento che hanno approfittato della vicenda Brexit per mostrare la loro vera natura e di cosa sono realmente fatte le loro parole d'ordine sedicenti anticapitaliste, sedicenti anti euro, anti UE. Esse sono divenute arnesi della peggiore linea elettoralista, nazional sciovinista che nessuna veste, abito indossato può mascherare e i cui danni nell'attuale situazione sono molto gravi perchè disorientano fette di movimento,le quali vengono portate sul terreno che è di abbandono della lotta di classe contro i propri padroni, contro il proprio imperialismo, della via della lotta per la rivoluzione proletaria e socialista, e di abbandono dell'internazionalismo proletario, che diventa per costoro l'alleanza dei “nazionalismi proletari” che sempre il marxismo, il leninismo hanno considerato componenti del passaggio dei falso socialisti nel campo dell'imperialismo.
Questo arcipelago di forze di sinistra, al di là della volontà soggettiva e dell'impegno nelle lotte di numerosi militanti, sono arnesi inservibili per la lotta necessaria oggi.
Per questo è necessario delimitare nettamente il campo tra comunisti e revisionisti di qualsiasi specie, costruire il fronte unito delle masse, liberandosi delle mosche cocchiere dell'imperialismo, e, soprattutto, costruire l'iniziativa rivoluzionaria autentica, nel contesto tumultuoso della crisi che si approfondisce, delle contraddizioni interimperialiste, delle esigenze travolgenti dei proletari, della gioventù ribelle, delle masse di migranti, che caratterizzano al situazione interna dei paesi imperialisti europei.

proletari comunisti - PCm Italia
luglio 2016

No comments:

Post a Comment